Vai alla biografia di Marco Infussi
    

Florilegio di Poesie Dialettali

Ci vularìa ‘na ronca

Nu fùlmino sbragà gli campanìlo.
«Fedèli cari, la cattìva sòrte»
disse gli abbàto a méssa
«ha colpìto sta chièsa;
gli campanìlo s’ha da araccruccà,
s’ha da affruntà sta spésa
sinno’ ‘n pòzzo sunà campàne a mòrte,
né a acquadrissi i mmanco a fèsta o fóco;
o cari e generósi parrocchiàni
v’esorto tutti: chi vò’ fa n’offerta
ch’azzi la mani».
Niciùno azzà nu dito;
comme a muntùni ‘n brànco
ammuccàrno gli musso mér gli banco
i fu silènzi ‘n chiesa. Annichilìto
disse fra se gli abbàto: «sti scannàti
s’havo tutti acciuncàti,
‘n tévo la forza manco a azzà ‘na mani».
Gli strammésse alla pròva
i disse pull’appòsta:
«Cari fedèli, ‘na persona pia
m’ha portàto cunìgli, pòlli i òva:
pu mi sta ròbba è tróppa, i nun mu còsta:
o parrocchiani
chi su la vò’ spartì ch’àzzi la mani
i doppo méssa passi ‘n sacrustìa».
Comme a ‘na mmòlla
azzàrno ‘nziémi tuttuddù lu vràccia…
Gli abbàto ‘nviperìto, a chélla fòlla
strillà comme a n’ossèsso, rusci ‘n fàccia:
«…mo niciùnu più tè’ la mani ciónca:
ci vularia ‘na rónca! »

[La poesia, opera del compianto poeta Fernando Bianchi, si classificò al 4° posto nel primo concorso di “Poesia Dialettale Ferentinate” e fu declamata nel giugno del 1977 nella solenne austerità dell’Aula Consiliare del Comune di Ferentino].

 

La surechétta

– Cumpare meio! Che disgrazia grossa!
Dé dù presutti, m’hao remase l’ossa.

– I comm’è stato? Chi si gl’iè magnati?

– Nùn sò tagliati…ma sò rusecati.

– Le gatti éh! Le puzzen’ammazzalle
ci stao sempre essi ‘ccapaballe.

– Ma none! Sò le soreche, sò state!
Sò retruvate tracce ‘lle sfacciate.

– Cunsòlete cumpà. Armen’a tine
té fanno danno sol’a le cantine.

– Perché cumpà? Tu pure té ‘ssu guaio
de soreche a terra ‘gliù granaio?

– None, ne tengo una sola, piccoletta,
ca se pò dine…è ‘na…surechetta.
Nun solo sè magnato iù presutto
mé sè magnat’abbrito, casa…tutto.

[La poesia, composta da Siro D’Amico, nato a Fiuggi ed ivi residente dove esercita la professione di commerciante, è stata declamata in occasione della “Serata dialettale ciociara”, ed. 1977, organizzata dalla Pro-Loco di Ferentino con il patrocinio dell’Ente Provinciale per il Turismo di Frosinone].

 

Dicci cà nci stonco

Dasìcca ci s’ha mmòrta la bon’alma
‘Ntònta s’ha rutiràta cu la figlia,
i pu ‘n’èsse du piso alla famiglia
s’arrizza a bon’óra,
ruzzéla, rattòppa,
rummonna, va fòra,
rammèdia che ciòppa,
ma a gnènte ci vale
purché alla figlia ci và tutto male:
ci strìlla, la gnùria,
la ‘ncàzza: è ‘na fùria,
nu gìffo, ‘na jèpa:
n’aspètta cu crepa.
‘Ntònta rupènza allora alla bon’alma
I du nascosto s’assùga ‘na cràlma,
i sempre più fòrte
su chiama la mòrte:
«O mòrte, tu ‘nvòco,
so sàzia, so stùfa
da stàrmo a ‘stu lòco;
vémmuto a togli, mòrte, ca so prónta,
lèvumo a sta galèra…»
strilla cu féde ‘Ntònta
i ‘n tutta la giornàta nun s’appónta
da fa sta ticchittèra…
i pu sti strilli i piànti
mó ha stufàto vicinàti i santi;
più niciùno la soppòrta
i la vurìnno lèsto vudé’ mòrta.
Pu chésto, ‘na sera,
‘Mbròsi, cu ci cunfina,
su strajittà nu lunzulàcci ‘ncógli
i féci fénta da gnìrzula a tògli.
Abbùssa i strilla fòrte:
«So la mòrte
chiàmumo ‘Ntónta», órdina alla figlia,
«cu s’ammannìsci ch’ha arivàta l’óra…».
La figlia riferì:
«Mamma, dafòra
ci sta la morte, viva, cu t’aspètta…»
Spàsima la porétta,
sente ‘na sudarèlla pu la vita,
balbétta pipulènno:
«Figlia bèlla,
va, dìcci ca ‘n ci stònco, ca so scìta…»

[Vincitrice del concorso, di Fernando Bianchi].

 

The following two tabs change content below.
Tramite il gruppo civico Cambiare partecipo ad un progetto di rinnovamento della classe politica di Ferentino. Con questo sito internet cerco di informare e creare una discussione trasparente circa le scelte operate dall'amministrazione comunale.   Lavoro in architettura e restauro, progettando e realizzando ambienti, strutture, arredi ed oggetti tramite la mia azienda, Fornaci Giorgi, che produce pavimenti, rivestimenti ed elementi architettonici in cotto fatto a mano.   Mi interesso di arti visive, interfacce uomo macchina, applicazioni internet. Ho il pollice verde ed amo mia moglie Domitilla e nostra figlia Charlotte.   In passato ho collaborato con Wikipedia, Ubuntu, Live Performers Meeting, Il Cartello per la promozione e diffusione delle arti, Greenpeace, Festival Arrivano i Corti, Il Giardino delle Rose Blu, Il Gabbiano.

Ultimi post di Marco Infussi (vedi tutti)




Lascia un commento