Vai alla biografia di Marco Infussi
    

Il gruppo Cambiare si confronta con Antonio Ingroia

Ieri a Genazzano si è tenuta una discussione sui modi per contrastare il governo Pd-PdL che vorrebbe modificare la Costituzione

Il gruppo Cambiare di Ferentino invita tutti i lettori a sottoscrivere e diffondere la petizione “Costituzione, non vogliamo la riforma della P2” presente in prima pagina sul sito www.change.org.
L’appello è stato lanciato da Antonio Ingroia su Il Fatto Quotidiano, e viene supportato dal Movimento 5 Stelle e da personalità tra cui Milena Gabanelli, Don Luigi Ciotti, Salvatore Borsellino, Maurizio Crozza, Aldo Busi, Adriano Celentano, Claudio Santamaria e Boosta.

“Appena salta l’articolo 138 si può saccheggiare la Costituzione: vogliamo che intanto siano ascoltati tutti i cittadini” avverte Antonio Ingroia. “L’intento di scardinare la Costituzione è evidente anche nelle procedure: si è evitato il normale esame previsto dall’articolo 72, si sono attribuiti poteri emendativi privilegiati al Governo, l’impossibilità per i singoli parlamentari di sub-emendare le proposte del Governo o del Comitato e anche la proibizione per i parlamentari in dissenso con i propri gruppi di presentare propri emendamenti”. Va quindi indetto un referendum confermativo sulla revisione dell’articolo 138, che aprirebbe la modifica di altri 69 articoli.

Dopo l’incontro Romolo Rea, Rosa Maria Chimisso, Ezio Paluzzi e Marco Infussi hanno garantito l’impegno in Ciociaria: “Dall’analisi dei documenti, la procedura in esame non sembra un intervento di “manutenzione” – afferma quest’ultimo – ma una riscrittura radicale non consentita dalla Costituzione, fatta ad uso e consumo dell’attuale maggioranza/inciucio tra Pd e PdL, con lo scopo di rinviare ancora anche la modifica dell’attuale legge elettorale “Porcellum”, che invece è argomento urgentissimo. Dove sono i veri riformisti nel Pd? Un partito che, nell’imbarazzo di dover buttare dalla torre l’odiato amico Berlusconi, cerca di salvarlo. Ad esempio facendo slittare il voto previsto 9 settembre fingendo di ritenere incostituzionale la legge Severino-Monti, votata da loro stessi, solo per prendere tempo”.

E’ così creato ad arte uno scenario assai comodo: prima della eventuale decadenza in Senato, arriverebbe il ricalcolo in Corte d’Appello della interdizione dai pubblici uffici per il Cav: “A quel punto Berlusconi verrebbe “estromesso” non dall’amico Pd, ma dai magistrati cattivi, che saranno di nuovo costantemente denigrati. Questo mi rattrista molto – conclude Infussi – anche alla luce del confidenziale racconto dello stesso Ingroia: un uomo che vive da 15 anni sotto scorta, che ha analizzato una delle pagine più nere della nostra storia, dimostrando che esiste una reale trattativa tra Stato e mafia, e che in cambio è stato trattato da fuggitivo solo per aver perso le elezioni. Sono forse i magistrati i veri delinquenti? Ora Ingroia ha chiuso con la magistratura, e vuole unire tutti i cittadini verso uno fronte comune veramente riformista, senza bandiere. I cittadini devono informarsi e già da oggi cominciare a pensare che a breve dovranno votare con coscienza”.

The following two tabs change content below.
Tramite il gruppo civico Cambiare partecipo ad un progetto di rinnovamento della classe politica di Ferentino. Con questo sito internet cerco di informare e creare una discussione trasparente circa le scelte operate dall'amministrazione comunale.   Lavoro in architettura e restauro, progettando e realizzando ambienti, strutture, arredi ed oggetti tramite la mia azienda, Fornaci Giorgi, che produce pavimenti, rivestimenti ed elementi architettonici in cotto fatto a mano.   Mi interesso di arti visive, interfacce uomo macchina, applicazioni internet. Ho il pollice verde ed amo mia moglie Domitilla e nostra figlia Charlotte.   In passato ho collaborato con Wikipedia, Ubuntu, Live Performers Meeting, Il Cartello per la promozione e diffusione delle arti, Greenpeace, Festival Arrivano i Corti, Il Giardino delle Rose Blu, Il Gabbiano.

Ultimi post di Marco Infussi (vedi tutti)




Lascia un commento